Succo di amarene contro l’insonnia: un aiuto scientificamente provato

amarena insonniaL’annuale appuntamento con l’Experimental Biology 2014, evento svoltosi in contemporanea al convegno annuale dell’American Society for Nutrition di San Diego, negli Stati Uniti, ha presentato i risultati di una ricerca molto interessante sull’insonnia e sulle possibili cure per combatterla.

Si tratta di uno studio basato sull’assunzione di succo di amarena, una bibita che aiuterebbe di gran lunga ad aumentare il sonno soprattutto nelle persone anziane. La ricerca statunitense ha interessato sette soggetti con problemi di insonnia, i quali presentavano un’età media di 68 anni di età. A loro è stato somministrato il succo di amarene della varietà Montmorency ogni giorno per due settimane. A questo trattamento è seguita l’assunzione di un placebo per altre due settimane e di nuovo l’assunzione di succo di amarene.

Analizzando il sonno in un ambiente assolutamente controllato, i ricercatori hanno definito che bere succo di amarena al mattino e alla sera permette di dormire in media 84 minuti in più e di rendere il sonno più efficiente, sereno e privo di ansie incontrollabili.

La ragione va ricercata sia nell’alto contenuto di melatonina che presentano queste varietà di amarene, che nell’alta presenza di protoantocianidine, i pigmenti rossi di cui le amarene sono ricche. Il succo è inoltre in grado di stimolare la produzione di triptofano, un precursore della seratonina che contribuisce a migliorare l’umore e a rasserenare lo spirito.

A queste buone caratteristiche, le amarene associano la presenza di tante vitamine e sali minerali, nutrienti fondamentali nell’alimentazione e molto utili negli anziani, che spesso presentano delle carenze sotto questo aspetto. E’ quindi giunto il tempo di dire addio agli integratori e ai medicinali? Forse sì, in quanto i dati rilevati possono dare il via ad una commercializzazione di questo succo in pianta stabile, aiutando tutte le persone che soffrono di insonnia in modo sano e naturale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math