La meditazione consapevole per combattere l’insonnia

meditazione contro insonniaL’insonnia è un problema che colpisce sempre più persone nel mondo. Se un tempo la sua comparsa era legata prettamente a situazioni ambientali e sociali, al giorno d’oggi essa è strettamente collegata allo stress e all’incapacità dell’organismo di liberarsi dai pensieri lavorativi. Ecco quindi che per combattere lo stress, esistono delle strade facilmente percorribili, che guardano all’Oriente come fonte di ispirazione, ma che si promettono di contrastare i problemi dei nostri giorni rendendo le pratiche di cura più occidentalizzate.

In particolare, sembra che la meditazione consapevole, chiamata anche mindfulness, possa migliorare notevolmente la qualità del sonno, e aiutare nello specifico le persone anziane che soffrono di problemi legati all’insonnia. A sostenerlo è uno studio eseguito dalla University of Southern California di Los Angeles, il quale è stato pubblicato sull’autorevole rivista JAMA Internal Medicine.

Lo studio si è basato su delle operazioni svolte ‘sul campo’, in quanto i ricercatori hanno chiesto a 49 persone anziane con problemi di insonnia leggera di partecipare alla prova. Metà di loro ha seguito per il periodo di sei settimane un corso sull’educazione al sonno, mentre l’altra metà ha iniziato un percorso di meditazione consapevole. Alla fine del periodo di monitoraggio, le persone che avevano iniziato a praticare la mindfulness hanno riscontrato grandi benefici sulla qualità del sonno e la pratica della meditazione ha aiutato le persone anziane a capire quali sono le cause dell’insonnia e quindi a riconoscerle per poterle contrastare in modo attivo.

Ecco che la meditazione consapevole potrebbe essere impiegata anche per le persone che soffrono di insonnia indotta da stress, in quanto essa non ha nessun effetto collaterale e si occupa di analizzare le cause che provocano il disturbo, donando loro la giusta importanza. Se gli episodi stressanti possono quindi essere compresi e superati da chi esercita la meditazione, il sonno può ricavarne un beneficio immenso, così come gli stati legati all’ansia e alla scarsa lucidità mentale.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math