Insonnia: tecniche e strategie per liberare la mente

mente insonniaSpesso una delle cause più comuni dell’insonnia deve di essere ricercata in una condizione psico-emozionale molto stressata. Quando i pensieri sono tanti e continui, può diventare difficile ‘staccare la spina’ e abbandonarsi ad un riposo benefico e sereno. Vediamo assieme alcune tecniche per liberare la mente e quindi permettere al corpo di rilassarsi in previsione di un sonno ristoratore.

Prima di coricarsi è importante curare e coccolare il corpo con delle pratiche benefiche. Una buona doccia calda aiuta notevolmente a sciogliere le tensioni, soprattutto se accompagnata da una musica rilassante e dall’impiego di oli essenziali a base di piante rilassanti. Alcune gocce di olio alla lavanda o alla camomilla blu possono essere bruciate nel bagno e nella camera da letto, per rendere l’ambiente positivo e accogliente.

Dopo la doccia è importante massaggiare il corpo con calma, usando un prodotto emolliente e leggermente profumato. L’aroma della crema può essere amplificato dall’uso di una goccia dello stesso olio che si sta bruciando, per rendere ancor più confortevole questo importante momento dedicato alla cura di sé stessi.

Una volta concluso il rituale di bellezza è importante abbassare tutte le luci e lasciare accesa almeno una lampada da comodino a potenza molto bassa. Grazie alla luce soffusa, la mente non si spaventerà se il sonno non arriva immediatamente e il graduale processo di rilassamento potrà iniziare in modo più naturale.

Una volta distesi nel letto, è fondamentale rilassare la muscolatura, operando un leggero massaggio alle gambe, alle braccia e al ventre. Man mano che si percepisce la stanchezza, si possono abbandonare i muscoli sul letto e lasciarsi avvolgere dal torpore. Se messi in pratica con costanza, questi gesti semplici aiutano a sconfiggere l’insonnia, in quanto aiutano a liberare la mente dai pensieri e riportano il corpo ad uno stato rilassato, fondamentale perché il riposo possa essere profondo e ristoratore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math