Combattiamo l’insonnia con le luci di ultima generazione

tablet-insonniaLa luce si presenta spesso come la chiave di volta nella comparsa dell’insonnia. Essa può, infatti, alterare il regolare ciclo circadiano come nel caso delle luci dei dispositivi multimediali ma, se dosata nel modo giusto, può indurre le persone a dormire in modo più sereno e coinvolgente. Studi profondi effettuati in questa direzione hanno quindi condotto molte case produttrici di elementi per il benessere a proporre sistemi luminosi sofisticati, basati su un coerente apporto di luce che può portare beneficio ai soggetti che soffrono di insonnia.

Definity Digital è il nome di una serie di lampadine con tecnologia LED commercializzate da Lighting Science, le quali sfruttano una tecnologia elaborata per le stazioni spaziali al fine di garantire agli astronauti il giusto stacco tra sonno e veglia. Il bulbo si chiama Good Night Bulb ed emana una luce talmente calibrata da permettere all’organismo di produrre la giusta quantità di melatonina, in modo da indurre un sonno naturale e quindi ristoratore.

Un altro dispositivo luminoso pensato per chi soffre di insonnia è Drift Light di Saffron, una lampadina intelligente che inizialmente propone una luce giornaliera, per poi avvicinarsi all’intensità del tramonto e arrivare allo spegnimento gradualmente. Questo processo, attivabile attraverso una rotazione manuale, permette di abituare il corpo alla luce notturna e quindi di indurre nell’organismo il tanto desiderato sonno.

L’ultimo dispositivo che vi presentiamo si chiama Sleep Coach e, più che una lampadina, si tratta di un proiettore da soffitto, il quale emana una serie di luci blu ad impulsi che diventano visibili sul soffitto o sulle pareti della camera da letto. Per prendere sonno è indispensabile leggere il libro in allegato con lo strumento, il quale insegna come sincronizzare il respiro con i fasci luminosi e quindi lasciarsi avvolgere tra le braccia di Morfeo.

I dispositivi luminosi possono aiutare in modo decisamente naturale a combattere l’insonnia infantile, un problema sempre più diffuso e preoccupante. Sui soggetti adulti queste lampade e proiettori possono essere intesi come dei validi coadiuvanti alla guarigione, in quanto chiedono di inserirsi nel processo di ‘educazione al sonno’ tanto sottolineato dagli esperti. Si tratta di un rituale che aiuta ad organizzare i gesti pre-notturni delle persone che soffrono di insonnia, che mira a fissare dei punti fissi che ‘accompagnano’ i soggetti verso le ore notturne per generare un sonno naturale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math