Bruxismo e apparecchio trasparente, come può aiutarci di notte

Il bruxismo è una vera e propria patologia che può portare serie conseguenze; si tratta dell’abitudine inconscia di digrignare fortemente i denti, talvolta anche di giorno ma in linea generale succede soprattutto di notte, momento in cui il sonno ci impedisce di controllare determinati impulsi. Le conseguenze di queste contrazioni incontrollate e involontarie, che durano dai cinque ai dieci secondi e che si ripetono più volte nell’arco della notte, possono causare seri problemi ai denti e non solo, lo smalto dentale pian piano si assottiglia fino a scomparire completamente lasciando scoperta la dentina, e alla fine viene intaccata anche quella; i denti possono scheggiarsi e a volte addirittura spezzarsi del tutto.

Accorgersi di questa patologia non è facile, di solito la mattina ci si sveglia con il mal di testa e un senso di stanchezza e malessere generale, dovuto alla mancanza di un sonno rilassante e ristoratore, oltre ad un dolore alle mascelle che può essere molto forte, ma più spesso è solo un fastidio che quasi mai viene ricondotto al bruxismo se non con l’aiuto di un medico che, notata la perdita dello smalto dentale, di solito consiglia una visita odontoiatrica.

Nei casi più gravi si può arrivare ad uno spostamento della mandibola, un sintomo importante e non facile da risolvere. In realtà non esiste una terapia vera e propria per questo problema perché non sono chiare le cause per cui insorge, ci sono diverse correnti di pensiero, sembra probabile che sia un fattore congenito, secondo alcuni potrebbe essere riconducibile anche ad una malformazione mandibolare e altri ancora lo riconoscono più spesso in persone che conducono una vita particolarmente faticosa e stressante.

I rimedi contro il bruxismo: il bite

Bruxismo e insonniaL’unico rimedio, a quanto pare, contro il bruxismo è impedire che l’arcata dentale superiore e quella inferiore entrino in contatto, per questo è stato brevettato il Bite. Cos’è il Bite? Non è altro che una sorta di paradenti realizzato in resina acrilica, di solito è trasparente e morbido, viene inserito nell’arcata superiore e rende impossibile lo sfregamento dei denti, in special modo di notte. Non è affatto invasivo, seppure forse un po’ scomodo, perlomeno finché non ci si fa l’abitudine, ed è fondamentale per evitare tutte le conseguenze di cui abbiamo già parlato.

In farmacia se ne trovano di già pronti ad un prezzo che si aggira attorno ai 50 euro, ma vengono sconsigliati dagli specialisti per un motivo molto semplice: ognuno di noi ha una particolare arcata dentale, quindi il Bite non può essere uguale per tutti. Ne esistono dei tipi anche automodellanti, un po’ come quelli usati dai pugili che si scaldano nell’acqua tiepida e poi si modellano direttamente sui denti, ma sempre secondo il parere medico, non sono utili a risolvere il problema anzi, talvolta possono addirittura peggiorarlo, come spesso accade per i rimedi fai da te.

Allora come si risolve questo problema? Si va da un odontotecnico specializzato che, dopo aver fatto una orto-panoramica e stabilito l’entità dei danni subiti, realizza un calco della nostra arcata dentale, in pratica la stessa cosa che si fa per mettere un comune apparecchio. Su quel calco verrà realizzato il Bite personalizzato, che si adatterà perfettamente all’andamento dei denti.

Naturalmente il prezzo è decisamente più alto di quello di un Bite in vendita in farmacia, parliamo di una cifra che si aggira attorno ai 150 euro, ma il risultato è migliore e definitivo. Utilizzandolo per un periodo di tempo consigliato dal medico stesso, è possibile che il bruxismo, se riconducibile ad un problema di stress, regredisca senza lasciare conseguenze, e se non regredisce il Bite evita comunque che i denti si rovinino perché di fatto lo sfregamento è impossibilitato da questa sorta di cuscinetto. I risultati saranno notevoli già dai primi giorni, quando ci sveglieremo senza l’indolenzimento facciale e riposati come non accadeva da tempo.

Il bruxismo non è una patologia che va sottovalutata, e il Bite è un rimedio efficace, indolore e soprattutto non richiede l’utilizzo di farmaci. Ma chi deve portare l’apparecchio ortodontico, come può combattere il bruxismo? Ad esempio scegliendo un apparecchio trasparente che impedisce ai denti di sfregarsi, raddrizzandoli. Non sai di cosa sto parlando? Prova a consultare le opinioni su Invisalign e capisci meglio!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math